Allagamento in archivio: quando bisogna intervenire?

Quando si verifica un allagamento in archivio, il tempo non è dalla nostra parte.  E’ di fondamentale importanza attuare immediatamente delle tecniche per l’asciugatura dei documenti e, a seconda dell’estensione del danno, ricorrere ad aziende specializzate nel recupero documenti. I danni iniziano a verificarsi quasi subito dopo l’evento accidentale, e i fattori che contribuiscono al deterioramento dei documenti includono, la qualità dell’aria e il degrado del locale di conservazione. 

Cosa succede ai documenti bagnati:

Primi 60 minuti

  • I batteri iniziano a diffondersi mentre l’acqua penetra i documenti e altri oggetti con cui viene a contatto
  • Le pagine che assorbono l’acqua si deformano
  • L’acqua compromette le proprietà chimiche di cuoi e pergamene, pellicole e fotografie 
  • Gli Inchiostri solubili si sciolgono e si diffondono, macchiando anche ciò con cui sono a contatto

Nelle prime ore

  • L’acqua inizia a cambiare le proprietà delle superfici metalliche
  • Elementi di arredo in legno, come gli scaffali, iniziano a gonfiarsi e le rifiniture a spaccarsi. 
  • Le tinture colorate d oggetti tessili si sciolgono e iniziano a macchiare ciò che li circonda
  • Il cartongesso si inumidisce e inizia a spaccarsi
  • I batteri già presenti nel locale si diffondono nell’aria, contagiando documenti e altri oggetti

Da 24 a 72 ore

  • Gli adesivi nei documenti, come quelli che vengono usati per le legature, iniziano a rigonfiare
  • La componente ferrosa nelle graffette inizia ad ossidarsi e a corrodere i documenti
  • Inizia a sentirsi l’odore tipico della muffa, le cui spore iniziano a diffondersi nell’aria e su materiali organici, contaminando i documenti
  • Bisogna ricordare che la muffa non è visibile ad occhio nudo finché non se ne formano colonie  sostanziali. La velocità con cui la muffa cresce dipende da fattori connessi con l’area geografica e le condizioni ambientali, come la temperatura e l’umidità relativa.

Dopo una settimana

  • L’esposizione prolungata all’umidità causa la rottura dei documenti, a volte rendendo difficile il salvataggio senza l’utilizzo di strumentazione tecnologica appropriata. In certi casi, i documenti potrebbero essere troppo danneggiati per essere recuperati. 
  • La muffa continua a diffondersi, cambiando le proprietà fisiche dei documenti contaminati
  • Inchiostri o pitture solubili vengono lavate via o sbiadiscono

Esistono migliaia di specie di muffa. Ogni tipologia ha un differente metabolismo, velocità di crescita e habitat di preferenza. Anche se non si è notato lo sviluppo di muffe nelle successive 48 ore o nella settimana seguente l’evento relativo il danno da acqua, c’è una possibilità che la muffa si sviluppi nelle settimane a seguire. Senza le appropriate tecniche di asciugatura, la muffa non trattata può diffondersi e creare nuovi danni, anche alle persone. 

La soluzione migliore consiste nel contattare aziende specializzate nell’asciugatura dei documenti appena viene scoperto il danno da acqua, in quanto sono in grado di intervenire con professionisti esperti e tecnologie adatte  al salvataggio dei beni cartacei, nei tempi e nei modi adeguati. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *