Il salvataggio dell’archivio di Andres Neumann

Nell’ottobre 2013 la città di Pistoia venne colpita da un’alluvione che causò diversi e ingenti danni. L’acqua colpì purtroppo anche il Centro Culturale Il Funaro, danneggiando parte dell’archivio di Andres Neumann.

Andres Neumann, creatore e produttore di eventi culturali di livello internazionale, nel dicembre 2009 donò al Funaro una porzione del materiale raccolto in 40 anni (1972-2000) di lavoro nel mondo dello spettacolo. La documentazione comprende centinaia di libri, riviste, locandine, video teatrali, 60.000 pezzi tra contratti, progetti di regia, corrispondenza, dossier di compagnie, fotografie, rassegne stampa, manifesti e programmi di sala, un vero tesoro culturale.

A seguito dell’alluvione, parte di questo patrimonio sarebbe andata persa per sempre senza un intervento professionale.

Il materiale bagnato e rovinato venne prelevato dalla squadra Prodoc e portato nella sede di Bologna per essere sottoposto ai trattamenti di congelamento, liofilizzazione, spolveratura e pressatura.

Il congelamento del materiale cartaceo serve ad arrestare lo sviluppo microbico e a prevenire l’adesione dei fogli, ed è indispensabile per effettuare l’asciugatura tramite liofilizzazione. L’acqua che impregnava i documenti è stata quindi congelata e poi fatta evaporare senza passare per lo stato liquido: la sublimazione, il processo fisico alla base del liofilizzatore, consente di evitare ulteriori danni, come la proliferazione di muffe, rispettando la struttura del materiale.

La documentazione è stata sottoposta anche a spolveratura, in quanto nella polvere possono annidarsi agenti chimici, muffe e uova di insetti, e a pressatura affinché il materiale cartaceo riprendesse la sua forma originale.

La criticità di questo salvataggio, oltre alla grande attenzione per dei pezzi unici, stava nei diversi tipi di supporto trattati: non solo libri e “semplici” fogli di carta, ma anche fotografie, manifesti e locandine, materiale delicato e non comune. (Foto gallery dell’intervento)

In tempi molto brevi, soprattutto grazie al pronto intervento, l’archivio di Andres Neumann è tornato al Funaro, restaurato e a disposizione del pubblico.

Qualche settimana dopo il recupero, Andres Neumann ci ha rilasciato un’intervista sull’accaduto e spiegando cosa è un archivio secondo la sua esperienza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *